Trasparenza, garanzia di credibilità.

Biofutura promuove la cultura aziendale della trasparenza, dell’integrità e della responsabilità sociale.

Lealtà e correttezza, prevenzione della corruzione e criterio della legalità presidiano ogni azione intrapresa nel mercato farmaceutico nazionale e internazionale.

Condotta trasparente, etica delle scelte.

Biofutura lavora a fianco della classe medica, intrattiene relazioni e collaborazioni con aziende ospedaliere e organizzazioni sanitarie, in direzione di uno stesso obiettivo comune: prendersi cura della salute e della qualità della vita dei pazienti. Perché condividere esperienze e conoscenze con il mondo accademico e il mondo della sanità è indispensabile per sviluppare nuovi farmaci, per migliorare prodotti e terapie.

La trasparenza è on line.

In direzione della massima trasparenza, Biofutura si è impegnata a documentare e rendere pubblici anche i trasferimenti di valore, effettuati direttamente o indirettamente, agli operatori sanitari e alle organizzazioni sanitarie.

Una scelta che rafforza la relazione di fiducia con il settore pubblico e, soprattutto, con i propri pazienti.

Dal 30 giugno sono disponibili sul nostro sito i dati relativi sia ai rapporti di collaborazione riferiti al 2015 tra (nome impresa) e gli Operatori sanitari (HCPs) e le Organizzazioni Sanitarie (HCOs), sia alla Ricerca e Sviluppo (R&D).

Trasparenza assoluta con la pubblicazione di questi dati è la scelta che le imprese del farmaco hanno fatto con piena convinzione, adottando il Codice sulla disclosure di Farmindustria, in attuazione del Codice EFPIA (Federazione Europea delle Associazioni e delle Industrie Farmaceutiche).

La collaborazione, già da tempo molto ben regolata, tra imprese del farmaco e medici si articola in diversi ambiti di attività:

  1. ricerca e sviluppo di nuovi farmaci attraverso gli studi clinici svolti negli ospedali, nelle università e nelle strutture sanitarie pubbliche e private;
  2. consulenze scientifiche;
  3. seminari e convegni scientifici, che offrono informazione e aggiornamento;
  4. supporto ai congressi e corsi ECM (Educazione continua in medicina) organizzati da strutture pubbliche, università, società scientifiche e provider accreditati ECM.

Proprio lo scambio di conoscenze tra imprese e medici, con il loro patrimonio di sapere e di esperienze sul campo, permette di raccogliere informazioni utili al percorso di ricerca e sviluppo e, dunque, di poter avere a disposizione farmaci sempre più efficaci per i bisogni di salute dei pazienti.

Questi rapporti, oltre ad essere disciplinati da norme nazionali e internazionali, si fondano sul rispetto reciproco dei ruoli, in un quadro trasparente di regole deontologiche di Farmindustria, che prevedono controlli rigorosi effettuati secondo precisi iter istruttori da organismi terzi, presieduti da magistrati indicati dal Presidente della Corte di Cassazione.

Potete accedere ai dati – pubblicati nel pieno rispetto della normativa italiana sulla privacy – relativi ai singoli professionisti che hanno firmato il consenso e, in forma aggregata, a tutti gli altri.

NOTA METODOLOGICA SUGLI ASPETTI CONTABILI

I dati pubblicati sono registrati nel rispetto della normativa IVA vigente, sono rappresentati al netto dell’IVA secondo il principio di competenza e i valori in valuta estera sono convertiti in Euro in base al cambio del giorno di registrazione.

Per informazioni sulla regolamentazione introdotta dal “Codice sulla trasparenza dei trasferimenti di valore tra aziende farmaceutiche, operatori sanitari ed organizzazioni sanitarie” è possibile consultare il sito www.farmindustria.it (sezione Home/Codice Deontologico).
image005

Trasferimenti di valore verso organizzazioni e operatori sanitari
pdf-icon

 

L’industria del farmaco e i medici, insieme per la tutela della salute

Il presente spot sul Disclosure Code è stato prodotto dal Gruppo Adnkronos ed
è in onda all’interno del palinsesto di DOCTOR’S LIFE, il canale satellitare (440 di SKY)
dedicato all’aggiornamento formativo e giornalistico di medici e ai farmacisti, edito
da Adnkronos Salute.
Tutti i diritti riservati.

Lavorare insieme, per i pazienti

I commenti sono chiusi.